Il fantacalcio, per quanto si cerchi di renderlo tale, non è una scienza esatta e la prova ne è Mimmo Berardi, in serie A con il Sassuolo dal 2013. La storia di Berardi è un'alternarsi di alti e bassi, un connubio di luci ed ombre dove dall'estate del 2016 non esiste più alcuna certezza. Andiamo a ripercorrere brevemente la carriera dell'attaccante cariatese. Le prime due stagioni lo incoronano, facendolo diventare un vero e proprio idolo per molti fantallenatori che vedono in lui una fonte inesauribile di bonus, specialmente se l'avversario di turno è il Milan di Massimiliano Allegri. Nella stagione 2013/2014, il centravanti del Sassuolo trascina la squadra nero-verde con 16 gol e 6 assist in 29 partite, integrandosi perfettamente con la manovra di Eusebio Di Francesco, e trovando in Zaza un perfetto alleato. Nella stagione successiva c'è l'exploit di Mimmo Berardi che con 15 gol ed 11 assist in 32 partite, mette le ali al Sassuolo e lo proietta nella parte nobile della classifica. Berardi sembra il centravanti perfetto: segna, fornisce assist e non disdegna di correre nelle retrovie quando i compagni sono in difficoltà. Arrigo Sacchi dirà di lui in un'intervista alla Gazzetta dello Sport rilasciata nel 2014:
«È un giocatore di grandissimo talento, un calciatore moderno che gioca con e per la squadra a tutto campo e tempo. La vivacità, le intuizioni, il temperamento, la forza fisica unita ad una buona tecnica fanno parte del suo bagaglio».
Numeri e record personali - Il 12 gennaio 2014 segnando 4 gol  in Sassuolo-Milan, diventa il secondo giocatore più giovane ad aver realizzato quattro reti in una gara di Serie A. Il 10 gennaio 2016 diventa il miglior marcatore nell’intera storia del Sassuolo, realizzando il suo 45°gol contro l’Inter. Il 28 luglio 2016 realizza il suo primo gol in campo internazionale contro il Lucerna, sette giorni dopo timbra due volte il cartellino e porta il Sassuolo alla fase a gironi di Europa League. Sembra andare tutto bene, o quasi. Il 28 agosto 2016 si infortuna al collaterale del ginocchio sinistro e dà il via ad un periodo nero che lo accompagnerà durante tutta la stagione, portandolo a chiudere il campionato con 21 presenze contornate da 5 reti. Da Bucchi a Iachini - L'avvio della nuova stagione non è stato facile per Mimmo, complice un dopo Di Francesco che è stato più complicato del previsto. L'esonero di Bucchi, solamente 11 punti conquistati in 14 partite con appena 3 vittorie, sono l'emblema di una rotta che il Sassuolo deve invertire. La squadra nero verde ripartirà da Iachini, tecnico navigato che tuttavia viene da un'esperienza negativa con l'Udinese dove fu esonerato dopo 7 giornate. Basterà l'esperienza del mister per riportare Mimmo al livello delle passate stagioni? Riuscirà il giovane Mimmo Berardi, dall’atteggiamento tormentato e inquieto a far gioire nuovamente i fantallenatori? Appuntamento alla prossima puntata.  
MagicGol è l'app per fantallenatori che tutti aspettavano.